Cosa vedere a Porto in un weekend, e non farsi mancare niente!

Cosa vedere a Porto in un weekend, e non farsi mancare niente!

Avete presente quando ogni giorno controllate i prezzi dei voli compulsivamente perché aspettate il momento in cui siano buoni per prenotare e partire? Ecco, a me capita circa una volta al mese ed è così che ho scoperto una delle città più entusiasmanti di sempre, Porto. Prossima alla partenza ho comprato una guida illustrata per controllare cosa vedere a Porto, ho riempito la valigia di cose inutili, perché possono sempre servire, e via, decollo!

Partire per un weekend a Porto è stata l’idea geniale che mi ha salvato dallo stress di “non ho più voglia di lavorare” a “come faccio a diventare una travel blogger pluri-pagata”. Sono tornata rigenerata e appagata da questa città fantasiosa, e ancora penso a quella casa nel centro storico con delle finestre così carine e caratteristiche che mi ha fatto venire voglia di andare a vivere in Portogallo, e vivere di pesca, surf e relax.

 

Cultura e divertimento

Tra una passeggiata lungo il fiume Douro, una visita al quartiere della Ribera e la tappa fondamentale al mercato di Porto, il tempo è passato in fretta, ma ci sono delle cose che assolutamente dovevo fare, al di fuori delle tradizionali attrazioni turistiche, perché se ancora non l’avete capito, non mi piacciono le cose banali.

La tappa che aspettavo e sognavo come una bambina di fronte a una gelateria è stata quella alla libreria Lello, una delle più belle al mondo (e non sono solo io a dirlo), ma soprattutto famosa per aver ispirato J.K Rowling nell’immaginare gli interni della scuola di Hogwarts frequentata dal mago adolescente più famoso del mondo Harry Potter. Lo ammetto, sono una fan di Harry Potter, come non si fa ad amarlo con quei suoi occhiali e quella faccia da bravo ragazzo? Entrare nella libreria Lello è stata un’esperienza unica, come entrare in una scena del film, e tornando a Harry Potter, sarei stata sicuramente una Grifondoro.

Al momento della cena, per ottimizzare il tempo ho pensato: perché non unire l’utile al dilettevole? Così sono andata alla ricerca di locali tipici che proponessero una cena in compagnia del fado portoghese, la musica popolare, caratterizzata dal canto che trasmette dolore, sofferenza e profondità dei sentimenti. Non è stato facile scegliere tra i molti luoghi attira-turisti ma vivere questa esperienza dal vivo merita sicuramente. È talmente travolgente che mi sono addirittura dimenticata di finire il mio bicchiere di vino!

 

Mangiare e bere, rifocillarsi dopo una giornata da turista

Quando penso a questa città non posso non pensare al vino Porto, compagno di mille avventure e testimone di molti segreti svelati in serate tra amiche.
Le cantine di questo vino liquoroso sono state una tappa fondamentale nel mio weekend, d’altronde come dire di no ad assaggi dei vari tipi di Porto, e alle storie raccontate dai produttori riguardo la loro cantina?

Consiglio vivamente di mangiare qualcosa, prima di buttarvi a capofitto nell’assaggio del vino Porto, se non volete avere un attimo di spaesamento. E questa può essere una perfetta scusa per andare in cerca dei piatti tipici portoghesi. L’occasione di assaggiarli non mancherà sicuramente, e tra tutti i piatti il mio preferito è il baccalà alla portoghese, un classico imperdibile.
I portoghesi amano così tanto il baccalà e hanno talmente tante ricette che non so dire con precisione se quella che ho provato io era la vera ricetta, so solo che era buona, gustosa, con patate, olive e un sugo indimenticabile che quasi mi ha fatto dimenticare la ricetta di mia nonna.
Ma no nonna, tranquilla, la tua rimane la migliore!

Grazie Porto, per avermi regalato un weekend vivace, mi rimangono nel cuore le tue strade, la tua gente accogliente e sullo scaffale della cucina una bottiglia del tuo vino. Cin cin!
Brindiamo insieme alla mia prossima avventura, chissà dove sarà, e alla mia esperienza passata a Ibiza, ve la ricordate?

 

Chi sono?

Beatriz Duarte

Nacida en Lisboa y destinada a Barcelona, ya no sé de dónde soy. El destino perfecto tiene que ser rico en cultura, sabores, historia y tener una playa para bañarse al final del día. ¿Qué es lo que nunca falta em mi maleta? ¡Pañuelo pin up y cámara para grabarlo todo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Si continuas utilizando este sitio aceptas el uso de cookies. más información

Los ajustes de cookies de esta web están configurados para "permitir cookies" y así ofrecerte la mejor experiencia de navegación posible. Si sigues utilizando esta web sin cambiar tus ajustes de cookies o haces clic en "Aceptar" estarás dando tu consentimiento a esto.

Cerrar