La playlist perfetta per festeggiare il Carnevale 2018

La playlist perfetta per festeggiare il Carnevale 2018

Ricordi quel fastidioso momento in cui due neonati hanno iniziato a piangere proprio mentre tu dormivi in aereo e ti sei reso conto che non avevi con te una playlist di musica delle vacanze aggiornata? Bene, dato che sta per arrivare il momento più divertente dell’anno con il Carnevale 2018, sicuramente sarai pronto per partire. Ecco perché oggi ho deciso di condividere con te la playlist che ho creato per festeggiare il carnevale 2018. Condividi la playlist con i tuoi amici, il divertimento è assicurato!

Quest’anno ho scelto di ripetere la mia esperienza al carnevale di Nizza, a cui già ero stata qualche anno fa. Credimi, ne vale la pena! Se invece questa destinazione non ti convince, ti lascio i miei consigli su altre città imperdibili per carnevale.

Compra una maschera e festeggia al Carnevale Romano

Sì, Venezia è la città in cui si celebra il carnevale più famoso d’Italia, ma se non sei mai stato a Roma durante questo periodo, credo che quest’anno sia il momento giusto per scoprire cos’è il Carnevale Romano.

Sai che ogni città d’Italia ha una propria maschera, che rappresenta i caratteri tipici dei suoi cittadini? A Roma la maschera si chiama Rugantino, e rappresenta il tipico romano a cui piace parlare, e parlare, e parlare… In queste sfilate del centro città, vedrai molti Rugantino, e li riconoscerai facilmente grazie all’inconfondibile cappello, la giacchetta e i tipici pantaloni rossi con calze bianche.

Nella lista delle canzoni delle vacanze che ho creato, trovi alcune canzoni che sono perfette per Roma, e che sicuramente sentirai risuonare nelle radio della  città: Jovanotti – “Oh vita”, Baby K “Roma – Bangkok”, Thegiornalisti – “Riccione”, Fedez – “Sconosciuti da una vita”, Maneskin – “Chosen”.

A Tenerife e Gran Canaria le regine del carnevale sono le drag queen

Queste due feste non hanno bisogno di presentazioni. Il carnevale di Gran Canaria e il carnevale di Tenerife sono, senza dubbio, due dei carnevali più famosi del mondo. Sono conosciuti per essere due feste gay friendly, e le regine della festa sono sicuramente le Drag Queens.

I colori, il divertimento e i travestimenti impressionanti rendono il carnevale delle Canarie unico e inimitabile. Se ti piace travestirti e sentirti libero da ogni pregiudizio, questo è il luogo che fa per te. Qui potrai rischiare e osare, e potrai finalmente indossare quel vestito strano che non osi mettere in città pensando che tutti lo criticheranno. In queste isole non esiste limite alla fantasia e sai come si dice: quello che succede al carnevale rimane al carnevale…

Ovviamente, come vera spagnola, nella mia playlist non può mancare un tocco reaggeton che si addice perfettamente alle due destinazioni (nella lista trovi anche una canzone di Amaia di Operazione Trionfo, questo programma mi tiene letteralmente attaccata allo schermo): Luis Fonsi e Demi Lovato – “Échame la culpa”, Enrique Iglesias – “El baño”, Shakira ft Nicky Jam – “Perro fiel”, Camila Cabello & The Young Thug – “Havana”, Amaia – “Shake it Out”.

Per il Carnevale 2018 scegli Torres Vedras

C’è una piccola città vicino a Lisbona le cui feste di carnevale sono le più importanti dell’anno. Il carnevale di Torres Vedras è il più famoso del Portogallo, caratterizzato da una delle sfilate più belle e dai carri allegorici. Questa è una delle destinazioni più economiche, perfetta per chi ha un budget limitato. Ti assicuro che “divertimento e pazzia” sono le parole chiave di questi giorni nella località portoghese.

Ti sei convinto a viaggiare a Torres Vedras? Nella mia lista trovi le canzoni perfette per capire subito la cultura portoghese: Portugal. The Man – “Feed it still”, Marco Rodrigues – “O tempo”, Nego do Borel – “Você Partiu Meu Coraçao”, Anavitória, Diogo Piçarra – “Trevo (Tú)”, Major Lazer, Anitta, Pablo Vittar – “Sua cara”, Valas – “As Coisas”.

Nizza, la sfilata di carnevale più impressionante di tutta Europa

Non posso non menzionare il carnevale più impressionante d’Europa, il carnevale di Nizza! Questo carnevale è perfetto sia per le famiglie con bambini, che per le persone anziane, che per i giovani. Se vuoi divertirti e vivere un’esperienza diversa dal solito Nizza è sicuramente la tua destinazione. Tutti gli anni l’evento lascia il pubblico stupefatto e sorpreso con una tematica di attualità e originale allo stesso tempo che fa da filo conduttore per la fantasia dei creatori della sfliata. Qualche anno fa ho visitato questo carnevale e mi ha lasciato un’emozione tanto positiva che quest’anno ho pensato “perché non ripeterlo?”. Il mio consiglio è di andare presto lungo il percorso della sfilata per trovare il posto migliore da cui godere dei carri.

Quale città è la tua preferita?

Come ciliegina finale sulla torta, ecco le canzoni che più rappresentano in questo momento la Francia: Kungs – “I feel so bad”, France Gall – “Résiste”, Daft Punk – “Get Lucky”, Julien Doré – “Coco Câline”, Brigitte – “J’sais pas”, Martin Solveig – “The night out”.

Spero che tu sia pronto a passare un bellissimo Carnevale 2018 e ricorda di ballare al ritmo dei migliori successi musicali, ovunque tu vada! E se adesso ti è venuta anche fame, ecco alcuni consigli su dove mangiare a Roma.

Chi sono?

Valery Shima

Desde Bielorusia hasta Barcelona. Vivo en la ciudad desde hace tres años y creo que ya he dejado de ver sus calles como una “guiri” y ya empiezo a verlas como una barcelonesa más. Me gusta merendar en sitios bonitos, la decoración y la arquitectura. ¿Qué es lo que nunca falta en mi maleta? Una libreta y una caja de colores.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Pin It on Pinterest

Si continuas utilizando este sitio aceptas el uso de cookies. más información

Los ajustes de cookies de esta web están configurados para "permitir cookies" y así ofrecerte la mejor experiencia de navegación posible. Si sigues utilizando esta web sin cambiar tus ajustes de cookies o haces clic en "Aceptar" estarás dando tu consentimiento a esto.

Cerrar