In vacanza a Tenerife, spiagge, cultura e vita notturna

In vacanza a Tenerife, spiagge, cultura e vita notturna

In una vita ideale e giusta mi merito di godere almeno una volta all’anno di: Tenerife, spiagge, abbronzatura naturale e vento che mi accarezza la pelle.

Lo dico perché ho provato sulla mia pelle a vivere momenti di spensieratezza nelle spiagge dell’isola e posso affermare che il viaggio a Tenerife può rendere la vita un po’ meno amara, e al ritorno anche voi vi ritroverete a digitare su Google le parole “trasferirsi a Tenerife, consigli e come fare”, perché il pensiero di vivere a Tenerife, mollare tutto e partire, vi farà compagnia per un po’ dopo il vostro rientro. Lo ammetto, vi racconto questa avventura per cercare di mettere pace a questa mia ossessione momentanea.

Cosa visitare in quest’isola delle Canarie che sembra così lontana da tutti i vizi della società e della vita quotidiana? Da brava turista e viaggiatrice incallita, consiglio come tappa fondamentale Tenerife sud, secondo molti una delle zone più famose, e ho capito il perché non appena ho messo piede nelle sue spiagge: sabbia nera e paesaggi impossibili da riprodurre a parole. Segnate i nomi di Playa San Juan ed El Bolullo, qui potrete infatti vivere l’esperienza di stendervi al sole circondati da sabbia scura. Sì, non dorata, ma quasi nera!

 

Spiagge a Tenerife

Come già anticipato, le spiagge di Tenerife lasciano emozioni paragonabili solo alla felicità del tornare a casa dopo una giornata di shopping durante il periodo dei saldi, con molte buste piene di regali per se stessi. So che anche voi provate questo tipo di emozioni.

La spiaggia di Las Teresitas è uno dei luoghi dei quali sicuramente al ritorno vi chiederanno: “Lì ci sei stato vero?” e la risposta deve essere “Ovviamente sì”. Sì, per le palme che circondano la spiaggia, per la sabbia dorata e perché, ma questo non è il mio caso, se siete delle persone attive, qui troverete molte opportunità per fare qualche sport acquatico o sulla spiaggia.

Io mi sento però più una donna di “scoglio”, la sabbia che entra nel costume e che rimane attaccata alla pelle anche dopo la doccia non è il massimo, quindi mi sono diretta nella zona occidentale dell’isola per visitare Los Gigantes. Tenerife in questo tratto di costa dà il meglio di sé, con scogliere chiamate appunto, dei Giganti, che vanno a picco sul mare, spettacolo impressionante che potete ammirare dalla cittadina omonima o tranquillamente distesi sul lettino a noleggio dell’unica spiaggia della piccola città.

Vogliamo però essere temerari e lasciarci andare completamente? Allora via quel costume da bagno e togliamo il segno poco elegante dei lacci in una spiaggia naturista dell’isola. Mi reputo una persona coraggiosa, a cui non dispiacciono le avventure, quindi non ho saputo resistere alla tentazione di giocare ad essere Eva nel Giardino dell’Eden. Niente mele offerte da serpenti, solo spiagge in cui sentirsi liberi e apprezzare il vento che accarezza la pelle, e qualcos’altro. Attenti però a scegliere la spiaggia giusta, non in tutte è permesso mostrare le vostre gioie all’aria, ma se vi ho convinti, ne troverete diverse sparse per tutta l’isola.

 

Oltre alle spiagge c’è di più

Tra una spiaggia e l’altra, è d’obbligo una visita al vulcano Teide, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2007.
Il vulcano è ancora attivo e per questo per niente rassicurante, aggiungo io. Avventurarmi fino alle sue pendici è stata la cosa più pazza, paurosa e allo stesso tempo incredibile che io abbia mai fatto.

Il vulcano si trova all’interno del Parco Nazionale del Teide, luogo incredibile dove ammirare spettacoli della natura che mai avreste pensato di vedere. Adesso posso raccontare a tutti con orgoglio che sì, io ho visto la lava scendere dalla bocca del vulcano e contemporaneamente ho visto la sua cima innevata che si mescolava alla lava bollente, in un connubio tra il divertente e l’emozionante. Non mi ricapiterà più, ecco perché lo racconto spesso, per imprimerlo bene nella mente e per suscitarvi anche un po’ di invidia.

 

Vivere la notte a Tenerife

Dopo una giornata al mare o dopo ore camminando immersa nella natura, la ricompensa ideale per queste attività è affrontare con un tacco 14 ai piedi Tenerife, vita notturna e locali dell’isola come un vero locale mi aspettano.

L’isola da questo punto di vista è adatta sia ai giovanissimi che ai nuovi giovani come me. Come scegliere il locale giusto per voi? Seguite la musica: se non la riconoscete ma ci sono migliaia di ragazzini che ballano scatenati, no, quello non è il posto adatto alla vostra età.

Tacchi in mano e piena di grinta, così sono finite le mie serate a Tenerife, ogni volta soddisfatta della giornata appena passata. Sia che vi troviate a sud dell’isola, o dall’altro capo, non disperate, ci sono sempre adeguati beach club, Tenerife non delude neanche in questo e lascia ampia scelta tra locali, discoteche, chiringuitos e locali sulla spiaggia con viste mozzafiato.

La parola d’ordine di queste vacanze è: osare. Osiamo sorprenderci con nuove avventure e osiamo divertirci scoprendo insoliti locali. E poi, chi vorrà più tornare a casa? Per non cedere alla depressione del rientro, leggiamoci la mia avventura a Formentera, così ci sembrerà di tornare in vacanza.

Chi sono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Pin It on Pinterest

Si continuas utilizando este sitio aceptas el uso de cookies. más información

Los ajustes de cookies de esta web están configurados para "permitir cookies" y así ofrecerte la mejor experiencia de navegación posible. Si sigues utilizando esta web sin cambiar tus ajustes de cookies o haces clic en "Aceptar" estarás dando tu consentimiento a esto.

Cerrar